Servizi per l'ecosistema sardo dell'innovazione
sportello startup  ›  in_forma  ›  notizie  ›  Al Contamination Lab vince YaaR
Al Contamination Lab vince YaaR
Premiazione finale del Contamination Lab
27.02.2017
YaaR, Neeot e OMSy sono le startup vincitrici (rispettivamente dal 1° al 3° posto) della quarta edizione del Contamination Lab, che si è svolta venerdì 24 febbraio al Teatro Massimo di Cagliari. Gli Special Prize di Sardegna Ricerche sono invece stati assegnati a iFeel Baby e Little Alienz. L'iniziativa dell'Università di Cagliari ha visto competere team formati da studenti e laureati in varie discipline. Ciascun gruppo ha avuto sei minuti più un video di 60 secondi per presentare la propria idea imprenditoriale alla giura composta da investitori, giornalisti, operatori del mondo della finanza e rappresentanti di imprese multinazionali.

Ad avere la meglio il team di YaaR (Alessandro Loi, Maria Zaitzeva, Alessio Cordella e Antonio Ravenna) che propone un software per piccole e medie imprese che vogliono innovarsi integrando l'augmented reality nei loro siti web e e-commerce. Renato Caboni, Chiara Cocco, Nicola Aldo Cabras e Federico Corona di Neeot si piazzano invece al secondo posto con un software dedicato alle imprese agricole che permette raccolta e analisi in tempo reale di dati provenienti dai sensori disposti lungo un'area di interesse. Infine il terzo posto è andato a OMSy. La startup di Cecilia Murru, Enrico Medda, Daniele Marras e Marco Puddu propone un'applicazione per smartphone utile per lo screening della sindrome delle apnee ostruttive del sonno.

Lo Sportello Startup di Sardegna Ricerche ha voluto invece premiare con i suoi Special Prize, ciascuno del valore di 10.000 euro in servizi, altre due idee d'impresa: iFeel Baby e Little Alienz. iFeel Baby, idea nata dalla collaborazione di Maria Laura Craboledda, Pier Francesco Zanata e Salvatore Basolu, propone un sistema che avvisa le mamme quando il bambino si avvicina a un punto pericoloso, rende l'ambiente domestico un posto più sicuro e riduce la possibilità di incidenti. Il team di Little Alienz, formato da Sarah Pinna, Valentina Bellotti e Mauro Cuccu, ha invece ideato un gioco da tavolo e un'app dedicati a bambini dai 4 ai 6 anni per individuare i primi segnali del rischio dislessia. Con gli Special Prize di Sardegna Ricerche supporta percorsi e contest regionali in grado di attrarre e promuovere idee innovative. L'obiettivo finale è accompagnare i team vincitori non solo nel loro percorso di validazione dell'idea imprenditoriale, ma anche nelle loro evoluzioni successive.