Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche  ›  ...  ›  distretti  ›  cluster biotecnologie applicate  ›  il cluster tecnologico...

Il Cluster tecnologico delle Biotecnologie applicate

Estratti di piante in provette da laboratorio
Il Governo regionale ha promosso la creazione nel Nord Sardegna di un cluster tecnologico delle biotecnologie applicate. L'obiettivo è di focalizzare in quest'area - già caratterizzata dalla presenza di un alto numero di imprese, centri ed enti di ricerca operanti nel settore - le competenze di punta disponibili per realizzare un sistema integrato che favorisca la ricerca e lo sviluppo imprenditoriale.

Il Cluster tecnologico delle Biotecnologie applicate promuove azioni e laboratori tecnologici a supporto delle imprese biotech e dei diversi settori "tradizionali" nei quali le applicazioni industriali delle biotecnologie determinano un vantaggio competitivo.

Le attività del Cluster favoriscono l'aggregazione ed il consolidamento di sistemi di imprese, centri ed enti pubblici di ricerca, catalizzando l'avvio di laboratori tecnologici pubblico-privati verso una definita specializzazione produttiva.

Il Cluster risponde alle esigenze di imprese del territorio che, pur in assenza di una comune specializzazione produttiva, sono orientate all'innovazione e al trasferimento tecnologico in settori tra loro integrati per offerta di competenze e infrastrutture tecnologiche.

Le attività imprenditoriali con maggiore potenzialità di sbocco nel mercato riguardano l'identificazione di marcatori molecolari (biomarkers discovery) e lo sviluppo di processi, prodotti e servizi correlati con kit immunodiagnostici, biosensori e nanobiosensori per la salute umana e animale, bioindicatori e, nel settore alimentare, marcatori molecolari e biologici identificativi della qualità e tracciabilità.

Le attività ed i servizi sono realizzati grazie alla funzionalità di tre Laboratori tecnologici, nei quali operano ricercatori e tecnologi specializzati e dove gli enti di ricerca e le imprese possono accrescere le proprie capacità strumentali e laboratoristiche.