Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche...  ›  ...  ›  piattaforme  ›  piattaforma energie...  ›  progetti  ›  progetto smart mobility

Progetto Smart Mobility

Macchina stilizzata su un prato
Il progetto Smart Mobility si propone di stimolare e informare gli operatori tecnici del settore della mobilità sulle potenzialità offerte dal nuovo mercato della mobilità elettrica.

Uno studio sul settore dei trasporti ha evidenziato che la mobilità incide per circa il 30% sui consumi energetici della Regione Sardegna e rappresenta un bacino di utenza particolarmente ampio e non ancora sviluppato per quanto concerne le attività rivolte alla decarbonizzazione.

Nel dettaglio gli obiettivi del progetto Smart Mobility sono:
- informare gli operatori interessati sullo stato dell'arte e sulle prospettive del settore della mobilità elettrica
- sensibilizzare l'opinione pubblica e gli operatori del settore sulle tematiche della mobilità elettrica
- fornire gli strumenti per valutare le potenzialità del mercato della mobilità elettrica evidenziandone anche le principali criticità e problematiche
- formare gli operatori tecnici fornendo un programma didattico completo di progettazione e realizzazione di un retrofit elettrico di un veicolo tradizionale
- definire attività di ricerca e sviluppo a medio e lungo termine con grandi aziende, PMI, università per futuri progetti nell'ambito della programma europeo Orizzonte 2020
- acquisire e diffondere know-how specifico nel settore della mobilità elettrica

Tra le azioni promosse durante la prima fase del progetto, a scopo sia dimostrativo che di ricerca, Sardegna Ricerche ha rinnovato in chiave sostenibile il proprio parco auto acquisendo due Toyota Prius ibride plug-in e due Smart elettriche.

Grazie a questa piccola flotta dimostrativa è stata avviata una campagna di valutazione dei consumi effettivi, delle prestazione energetiche, delle riduzioni di emissioni di CO2 e dei risparmi economici conseguiti dall'adozione di tale tipo di mobilità. Inoltre il monitoraggio continuo sia dell'utilizzo sia delle condizioni di ricarica di tali veicoli ha permesso di creare una base dati sperimentale utile per lo sviluppo di specifiche attività di ricerca e progettazione inerenti l'analisi e l'efficientamento dei flussi energetici nel settore della mobilità.

La seconda fase del progetto Smart Mobility prevede la realizzazione di un programma di formazione specifico volto a rinnovare e arricchire le competenze degli operatori del settore elettromeccanico e automobilistico. Lo scopo è quello di incentivare un'eventuale riqualificazione o transizione degli operatori di tale settore, con l'introduzione e lo sviluppo del concetto di riconversione elettrica degli autoveicoli. Il percorso di formazione è articolato in una parte teorica di formazione specifica in aula e una parte pratica in cui verrà realizzato il retrofit elettrico di un autoveicolo tradizionale usato.

Il progetto prevede inoltre la realizzazione di un dimostratore strumentato (un banco prova) che permetta di sviluppare sia attività di ricerca che attività didattiche.