Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche...  ›  ...  ›  distretti  ›  distretto tecnologico...  ›  laboratori  ›  i laboratori tecnologici...

I laboratori tecnologici di Sardegna DistrICT

I laboratori tecnologici di Sardegna DistrICT
Nell'ambito del distretto sono stati attivati nove laboratori tecnologici, intesi come luoghi aperti di collaborazione tra imprese e sistema della ricerca e dell'innovazione.

Essi consentono di arricchire la dotazione tecnologica e il know-how al servizio di tutti gli operatori del distretto e daranno impulso alla realizzazione di attività di ricerca applicata e di valorizzazione dei risultati scientifici in ambito industriale e alla nascita di nuove iniziative imprenditoriali.

I laboratori svolgono tre tipologie di attività:

1. Attività sperimentali propedeutiche e setup degli strumenti.
Comprendono la sperimentazione o la realizzazione di metodi e di idee (proof of concept) per dimostrarne o verificarne la fattibilità e la messa a punto delle strumentazioni, inclusa la preparazione e la configurazione di esempi di utilizzo della stessa. Tali attività si configurano come propedeutiche ai progetti cluster e di innovazione e sono avviate su indicazione delle imprese o su iniziativa del Gruppo di coordinamento di ciascun laboratorio. Il costo di ogni intervento è a carico di Sardegna Ricerche, soggetto attuatore della Misura 3.13 del POR

2. Progetti per gruppi di imprese (progetti cluster).
I progetti cluster sono finalizzati a sperimentare soluzioni innovative, realizzare prototipi, sviluppare prodotti precompetitivi, ecc. con il coinvolgimento di gruppi di imprese. Tali progetti producono risultati e conoscenze che vengono messi a disposizione delle imprese secondo criteri non discriminatori. Essi hanno durata massima di sei mesi e possono essere attuati sia attraverso impulso dei laboratori che attraverso impulso delle imprese. Il costo di ogni intervento è a carico di Sardegna Ricerche, soggetto attuatore della Misura 3.13 del POR; tuttavia le imprese aderenti sono tenute a contribuire alla riuscita del progetto garantendo la partecipazione del proprio personale alle attività previste.

3. Progetti di innovazione.
Sono piccoli progetti di innovazione e trasferimento tecnologico, eventualmente conseguenti alle attività sviluppate nell'ambito dei progetti cluster. Essi producono risultati appropriabili dalla singola impresa che è tenuta pertanto a cofinanziarli. L'importo massimo di ciascun progetto è di 50.000 euro. La quota pubblica di cofinanziamento non può essere superiore al 50% dei costi ammissibili e i tempi di realizzazione non possono superare i sei mesi.
Il laboratorio mette a disposizione dell'impresa gli impianti, i macchinari e le attrezzature di sua proprietà per la realizzazione del progetto, nonché le proprie competenze tecnico-scientifiche. L'impresa deve realizzare la quota di attività a suo carico, sostenendone i relativi costi, e deve provvedere all'acquisto di materie prime, ausiliarie, pezzi speciali, ecc. Sardegna Ricerche svolge funzione di coordinamento e controllo del progetto.


Le modalità di accesso ai laboratori sono disciplinate da apposito regolamento.

Documenti correlati
Regolamento di accesso ai laboratori del DistrICT [file.pdf]
Allegato A - Tariffario [file.pdf]
Allegato B - Domanda di accesso [file.pdf]