Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche  ›  strutture collegate  ›  fase 1  ›  attività e servizi

Attività e servizi

Ricercatrice in ambiente sterile
Fase 1 svolge attività di analisi tecnico-scientifica e di mercato di nuovi agenti diagnostici e terapeutici, di sperimentazione preclinica e clinica e di formazione e diffusione scientifica. La società eroga inoltre molteplici servizi che spaziano dall'assistenza pre- e post-brevettuale alla valutazione e assistenza nella redazione di dossier tecnico scientifici e regolatori, sino alla definizione di piani di sviluppo pre-clinico e clinico e all'esecuzione di studi.
Attività
Il Programma di attività di Fase 1 assume come presupposti fondamentali quelli del Piano strategico ed evidenzia le attività che, in attuazione di esso, saranno svolte dalla società.
Fase 1, per la durata del presente Programma, adotterà le seguenti linee di programma attraverso le quali intende operare per raggiungere i suoi obiettivi:
- Linea Ricerca e Sperimentazione clinica
- Linea Sviluppo nuovi ritrovati.
Servizi
I servizi di Fase 1 consistono in: assistenza pre-brevettuale e valutazione del quadro di protezione intellettuale esistente, assistenza nella valutazione e redazione di dossier tecnico-scientifici e regolatori per nuove procedure o test diagnostici, definizione di piani di sviluppo pre-clinico e clinico ed esecuzione di studi presso la propria Unità di ricerca clinica.
Modalità operative
Per il raggiungimento dei suoi obiettivi, Fase 1 adotta due linee operative. La linea Sviluppo comprende lo svolgimento di attività di scouting di nuovi ritrovati a potenziale effetto farmacologico e tecnico-finanziarie di investimento nei relativi progetti, finalizzate a portare nuovi potenziali agenti diagnostici e terapeutici ad una fase più avanzata di sviluppo industriale preclinico e clinico. La linea Sperimentazione clinica prevede che Fase 1 srl progetti ed esegua sperimentazioni cliniche di fase I e IIA (volontari sani o pazienti) direttamente nella propria Unità di Ricerca Clinica, sia per i progetti della propria linea “Sviluppo” che per conto di soggetti terzi.