Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche...  ›  ...  ›  por fesr  ›  progetti cluster  ›  accesso ai risultati  ›  agroalimentare

Agroalimentare

Una mano tocca delle spighe di grano
Le azioni portate avanti si concentrano principalmente su attività di sperimentazione e sviluppo legate al mondo delle produzioni tipiche: dalle paste fresche ai prodotti da forno, dai formaggi stagionati a quelli freschi e, ancora, birre artigianali e produzione di olio.
Tre olive immerse nell'olio Progetto ACQUE DI VEGETAZIONE
Gli scarti derivanti dalla produzione di olio d'oliva possono essere impiegati per gli usi più diversi. Attraverso l'estrazione della componente polifenolica dei residui di produzione si possono realizzare, ad esempio, prodotti dalle proprietà dermoprotettive, mentre dall'utilizzo di acque e scarti del processo di macina è possibile ottenere fertilizzanti di qualità.
Una delle fasi di inscatolamento di prodotti tipici sardi Progetto ACTIPACK
I prodotti alimentari tipici della Sardegna sono accomunati da una criticità: la possibilità di avere tempi di conservazione più lunghi mantenendo inalterate le loro proprietà. Il progetto ACTIPACK sviluppa una modalità di confezionamento dei prodotti tipici capace di eliminare l’ossigeno dalle confezioni e impedire così lo sviluppo di organismi microbici.
Forma di pecorino su un tagliere Progetto Bio.Me.Co
L'insorgenza di muffe sui formaggi riduce notevolmente l'appetibilità del prodotto e spesso viene combattuto con additivi chimici. Il progetto Bio.Me.Co sperimenta un metodo di controllo biologico delle microflore superficiali dei formaggi, come le muffe, senza l'aggiunta di additivi chimici, ma mantenendo invariate le caratteristiche sensoriali del prodotto.
Birra Progetto GLUFBB
Il mercato dei prodotti destinati alle persone intolleranti al glutine è in aumento con una varietà di prodotti sempre maggiore che non sempre però risultano gradevoli rispetto ai prodotti con il glutine. Le ricette delle birre gluten free saranno sperimentate con l'obiettivo di formulare prodotti qualitativamente superiori rispetto a quelli in commercio.
Pane tipico sardo Progetto GRASPAT
Gli sfarinati provenienti da grano coltivato in Sardegna possono risultare materie prime più adatte a certe tipologie di prodotti. La definizione delle caratteristiche di questi sfarinati aiuterà a stabilire, per ogni varietà, quali siano i più adatti per la produzione di determinati pani tipici o paste secche, garantendo un miglioramento nella qualità dei prodotti.
Logo del progetto PAPPAI Progetto PAPPAI
PAPPAI è un progetto che mira a valorizzare la qualità e la genuinità dei prodotti sardi. Questo attraverso la realizzazione di una piattaforma che permetta al consumatore di avere accesso a informazioni utili che non trovano posto in etichetta.
Formaggio su mensole di legno Progetto ProTen
La Sardegna è una delle regioni con maggiori allevamenti ovini e caprini. Utilizzando il latte prodotto si sperimenteranno dei formaggi freschi a pasta molle formulati con ingredienti naturali capaci di incrementare il valore nutrizionale. Le formulazioni che verranno studiate si concentreranno maggiormente nel soddisfacimento dei bambini in età scolare.
Formaggi su ripiani Progetto QUALIFYORE
Il Fiore Sardo DOP è l'unico formaggio ovino sardo prodotto a partire da latte crudo. Tuttavia sono presenti sul mercato formaggi che, nonostante si fregino del suo marchio, vengono prodotti utilizzando latte termizzato o pastorizzato. Il cluster lavora sulla definizione di un metodo che garantisca la riconoscibilità del prodotto.
Culurgiones Progetto RISPAF
I culurgiones e i ravioli sono tra le paste fresche ripiene più apprezzate. Tuttavia, per loro natura, hanno dei problemi di commercializzazione e shelf life legati al bilanciamento tra conservazione, qualità e freschezza. Con il progetto viene sperimentato un metodo di sterilizzazione dei ripieni finalizzato alla eliminazione di queste problematiche.
Pecora in un campo Progetto SIOPROFO
Utilizzando il siero di latte ovino in polvere nei prodotti da forno si può ottenere un allungamento del periodo di alta qualità e un miglioramento delle caratteristiche nutrizionali degli stessi. In questo modo le imprese potranno avere maggiori e migliori opportunità di inserirsi in canali di vendita al di fuori del territorio regionale.