Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche  ›  distretti

Le reti dell'innovazione

Gruppo di ricercatori e tecnici
Le reti dell'innovazione
Lo sviluppo dell'Isola passa per la creazione di aggregazioni territoriali di attività di ricerca e produzione ad alto contenuto tecnologico in specifici settori: Informatica e telematica, Fonti energetiche rinnovabili, Biotecnologie e Biomedicina.
Sardinia Biomed Cluster
Noto come Sardinia Biomed Cluster, il Distretto della Biomedicina e delle Tecnologie per la Salute è uno dei soli cinque distretti nazionali dedicati alle biotecnologie applicate alla salute riconosciuti dal governo italiano. L'area distrettuale, insieme alla zona dell’Ogliastra per la parte sperimentale, è "Polo di Eccellenza delle tecnologie bioinformatiche applicate alla medicina personalizzata".
Cluster Biotecnologie applicate
Il Governo regionale ha promosso la creazione di un cluster tecnologico delle biotecnologie applicate nel Nord Sardegna. L'obiettivo è di focalizzare in quest'area - già caratterizzata dalla presenza di un alto numero di imprese, centri ed enti di ricerca operanti nel settore - le competenze di punta disponibili per realizzare un sistema integrato a supporto della ricerca e dello sviluppo d'impresa.
Piattaforma Energie rinnovabili
La Piattaforma Energie rinnovabili nasce nel 2007, per volontà della Regione Sardegna, con l'obiettivo di dotare il territorio regionale di una struttura tecnologica all'avanguardia, a disposizione del sistema imprenditoriale e della ricerca, per la realizzazione di attività di ricerca, sviluppo ed innovazione, nei settori della gestione dell’energia e dell'efficienza energetica.
Cluster settori strategici
I cluster sono gruppi di piccole e medie imprese che operano nello stesso settore o in settori affini e che, dato un obiettivo condiviso, ideano e sperimentano con il supporto di Sardegna Ricerche progetti di sviluppo e di innovazione. La Regione Sardegna ha individuato alcuni settori ritenuti strategici per le potenziali ricadute nel sistema economico regionale. Due sono gli approcci che sono stati utilizzati nei progetti cluster:

- Cluster "Top Down", in cui le competenze degli organismi di ricerca sono trasferite alle imprese per sviluppare innovazione comune attraverso un prototipo, un modello o un metodo.
- Cluster "Bottom up", in cui le azioni del cluster vengono costruite attorno alle problematiche comuni emerse direttamente dalle imprese, senza l'intermediazione dei centri di ricerca, con l'obiettivo di realizzare e sperimentare un prototipo, un modello o un metodo innovativo.

Le piccole medie imprese interessate a partecipare possono richiedere al responsabile scientifico o al punto di contatto del singolo progetto di entrare a far parte del cluster in ogni momento.

Il 18 marzo 2016 è stato pubblicato un avviso per le imprese che desiderano accedere ai risultati dei progetti cluster top-down e bottom-up: maggiori informazioni sono disponibili nella sezione Notizie di questo sito web.