Logo Regione Autonoma della Sardegna
RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO IN SARDEGNA
sardegnaricerche...  ›  ...  ›  agenda  ›  archimede webzine  ›  innovazione  ›  i maker rispondono......

I maker rispondono... - Intervista a Daniela Siddi

Espositore progetto Emotion in motion
14.09.2015
Il logo aziendale da elemento bidimensionale si trasforma in oggetto a tre dimensioni per diventare tenda componibile e personalizzabile, elemento portante per un espositore, una mensola o una lampada. È questa l'idea alla base del progetto "Emotion in motion" di Daniela Siddi, realizzato grazie alla borsa Generazione Faber nel FabLab Sardegna Ricerche. Daniela è la protagonista dell'intervista di oggi per la rubrica "I maker rispondono...".

Presentati...
Mi chiamo Daniela e ho studiato allo IED di Cagliari, dove nel 1997 ho portato a termine il corso quadriennale in grafica pubblicitaria, integrato di recente con un corso di visual merchandising. Dal 1999 ho gestito per quasi 10 anni uno studio grafico a Oristano. Attualmente, oltre a occuparmi di grafica e web design, mi diverto a organizzare eventi artistico-culturali. Mi interesso di arte, archeologia e tradizioni.

e raccontaci il tuo progetto!
Per Generazione Faber 2 ho realizzato "Emotion in motion", un progetto attraverso il quale l'immagine coordinata sconfina dalla sua bidimensionalità per esplodere nella terza dimensione. Ecco che quindi il logo diventa modulo per una tenda componibile e personalizzabile, oppure elemento portante per un espositore, una mensola, una lampada o qualsiasi altro oggetto. Al FabLab ho realizzato una tenda costituita da un modulo che consente di ottenere motivi sempre diversi a seconda di come viene assemblato. Ho realizzato inoltre diversi espositori in scala e altri complementi d'arredo. Si tratta di un sistema che può diventare un modo originale per personalizzare qualunque attività.

Quali sono i materiali, le tecnologie e le macchine utilizzate per realizzarlo?
A partire dalla stilizzazione di un elemento figurativo, ho progettato un modulo declinabile e realizzabile con differenti materiali. Ho innanzitutto elaborato il mio modulo con un software di grafica vettoriale e poi l'ho modellato con un software di grafica 3D. Successivamente il modulo viene stampato con stampanti 3D su materiali rigidi come il PLA o materiali flessibili come il Ninja Flex, oppure intagliato con la laser cut utilizzando materiali come l'MDF o il legno multistrato o materiali morbidi come l'ecopelle o i fogli di sughero. Il modulo può anche essere ricamato e infine intagliato con il plotter da intaglio su materiali come cartoncino o vinile colorato.

Come valuti l'esperienza al FabLab?
L'esperienza al FabLab è una straordinaria occasione per introdursi nel mondo della fabbricazione digitale. Io ho trovato questa esperienza utilissima e tutto ciò che prima sembrava lontano anni luce si è invece dimostrato alla mia portata e facilmente realizzabile. Dopo le prime incertezze, l'utilizzo di macchinari a me prima sconosciuti mi ha consentito di scoprire nuove soluzioni fino ad allora impensabili. Il FabLab non è solo un laboratorio ultra accessoriato dove poter realizzare il proprio progetto, ma è anche e soprattutto una fucina di idee e un luogo dove possono nascere collaborazioni e ispirazioni.

Quali consigli daresti ai prossimi borsisti del Bando Generazione Faber?
Consiglio ai borsisti di sfruttare al massimo l'esperienza del FabLab frequentando il più possibile e utilizzando tutti i macchinari disponibili, anche quelli che non ritengono utili per il proprio progetto, perché si possono scoprire funzioni e potenzialità che non si conoscono. Consiglio di partecipare ai workshop e di condividere le proprie esperienze con i colleghi perché uno scambio reciproco non solo ci aiuta nella crescita individuale, ma può anche far nascere nuove e interessanti esperienze.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Mi sono proiettata nel mondo della fabbricazione digitale e sto sviluppando alcuni progetti condivisi con altri ragazzi conosciuti grazie a Generazione Faber. Ad esempio insieme ad Alessandro Nioi e Davide Melis ho ideato realizzato Pintàc, una calamita circolare in legno realizzata artigianalmente.

Calamita progetto Emotion in motionEspositore progetto Emotion in motionPortacandela progetto Emotion in motionTenda progetto Emotion in motionLogo